Lucibello Flavio Visualizza ingrandito

Il suo nome era Vladimiro

Nuovo prodotto

La storia è ambientata nei primi anni ‘90. Un giovane ricercatore, Giulio, biologo, precario, appassionato del suo lavoro, viene incaricato di fare uno studio sulla possibile reintroduzione della lince nell’Appennino.

Maggiori dettagli

10,00 €

Scheda tecnica

TitoloIl suo nome era Vladimiro - Alla ricerca del lupo cerviero
AutoreLucibello Flavio
ISBN978-88-6827-416-0
Pagine90
Anno2021
EdizionePrima
GenereRomanzo
CollanaIl Porto
NIC209
Formato135x200 mm
CopertinaMorbida plastificata
Peso171 gr
IllustrazioniNo

Dettagli

La storia è ambientata nei primi anni ‘90. Un giovane ricercatore, Giulio, biologo, precario, appassionato del suo lavoro, viene incaricato di fare uno studio sulla possibile reintroduzione della lince nell’Appennino. Durante uno dei suoi sopralluoghi nelle aree oggetto dello studio, entra in contatto con un personaggio molto particolare, Vladimiro, che vive da solo in una frazione abbandonata di un paesino della montagna abruzzese. Dopo il primo incontro è evidente che, dietro l’aspetto un po’ rozzo, si cela una persona colta che non vuole far trasparire la sua vera identità. Fatti drammatici fanno avvicinare questi due personaggi fino a far nascere tra loro una solida amicizia. Pian piano che aumenta la loro confidenza Vladimiro fa conoscere a Giulio gli episodi del passato che hanno causato il suo esilio volontario. Si scopre la grande somiglianza tra i due personaggi sia come interessi che come percorso umano. Il finale lascia aperte tante interpretazioni e non pretende di disegnare un unico futuro. Sullo sfondo del racconto la natura incontaminata della montagna, gli animali che la popolano, lupi, aquile, cervi, visti con gli occhi di un etologo, Giulio, che, attraverso le sue riflessioni sul difficile mestiere del vivere e dell’amare e sul difficile rapporto con l’altro, percorre le emozioni che la vita ci regala quotidianamente, mostrando la verità che a volte non è sempre così chiara e limpida. Lo star bene con gli altri e con se stessi valorizzando le diversità. Nella penombra il “lupo Cerviero”, fantasma dei boschi, osserva, indifferente alle vicende umane.

Recensioni

Valutazione 
15/07/2022

Passeggiata di 50 pagine tra natura incontaminata ed emozioni

Come per le più belle escursioni, un racconto che imbocca un sentiero naturalistico e ripaga con una vista panoramica, questa volta su emozioni pure e in cui immedesimarsi.

Letto sull'ora di volo Ginevra Parigi, mi ha lasciato con un'incredibile voglia di esplorare ed amare.
Consigliatissimo.

    Valutazione 
    15/07/2022

    Racconto emozionate

    Racconto emozionante e delicato. In toni delicati si racconta la storia di un'amicizia in una cornice naturalistica ricca di dettagli che ti consentono di immergerti a pieno nella narrazione. Lo consiglio a tutti

      Scrivi una recensione!

      Scrivi una recensione

      Il suo nome era Vladimiro

      Il suo nome era Vladimiro

      La storia è ambientata nei primi anni ‘90. Un giovane ricercatore, Giulio, biologo, precario, appassionato del suo lavoro, viene incaricato di fare uno studio sulla possibile reintroduzione della lince nell’Appennino.

      30 altri prodotti della stessa categoria: